Progetta la casa dei tuoi sogni con noi e paga metà della ristrutturazione in 48 comode rate a tasso 0.
facciata ventilata

Guida completa alla facciata ventilata: cos’è, come funziona, i pro e i contro

Le facciate degli edifici si ricordano principalmente per il loro aspetto. Le pareti colorate, le linee, gli angoli sono tutti aspetti che vengono attentamente studiati in fase di progettazione per creare un determinato effetto. Le facciate di alcuni palazzi storici sono diventate iconiche e fungono ancora oggi da esempio e da ispirazione per una migliore comprensione e sviluppo degli stili architettonici. 

In realtà, nella fase di studio di ideazione ed elaborazione della struttura, i professionisti tengono conto anche di una serie di aspetti pratici di cui i non addetti ai lavori si preoccupano poco, ma che sono fondamentali per creare un ambiente confortevole tra le mura domestiche. Tra questi aspetti rientra anche l’isolamento termoacustico della struttura, ovvero la capacità delle pareti di escludere rumori esterni e temperature troppo eccessive. Adottare soluzioni simili è utile tanto all’ambiente quanto all’economia domestica: uno spazio domestico isolato non avrà né problemi di umidità, né di caldo eccessivo e non richiederà l’attivazione di riscaldamento o condizionatori. Di conseguenza, alcune risorse naturali verranno risparmiate provocando risvolti positivi anche sulle bollette. 

Per rendere più efficiente la casa dal punto di vista energetico, molte persone decidono di optare per il cappotto termico. Vi è, però, un’alternativa altrettanto vantaggiosa che bisognerebbe considerare visti gli effetti più che positivi prodotti. Si tratta della facciata ventilata

Che cosa s’intende per facciata ventilata

Tra le modalità di rivestimento delle pareti esterne di un edificio c’è anche il sistema della facciata ventilata che sfrutta il moto convettivo dell’aria con risultati più che efficaci in termini di efficienza energetica.

Per lavorare, il cappotto ventilato (altro nome con cui il sistema viene comunemente chiamato) ha bisogno dell’installazione di un’intercapedine e di uno strato di materiale isolante tra la parete interna e quella esterna di un’abitazione. Questo lavoro può essere effettuato sia nell’ambito di una nuova costruzione che di operazioni di ristrutturazione e riqualificazione energetica di un edificio. 

Come funziona la parete ventilata

L’escursione termica tra l’interno e l’esterno dell’abitazione provoca dei fenomeni del tutto naturali – come la condensazione – che, però, a lungo andare, possono danneggiare l’intonaco delle pareti con la presenza di macchie o con la creazione di crepe. Per evitare che tutto questo avvenga e per permettere alle temperature interne di non lasciarsi influenzare dal clima di fuori, la struttura della facciata ventilata crea, all’interno dell’intercapedine, una zona in cui l’aria si muove liberamente sfruttando le differenti temperature presenti all’interno e all’esterno. Durante il periodo estivo, l’aria calda dell’esterno che si accumula lungo le pareti e al loro interno viene spinta verso l’alto dalla presenza della camera d’aria e così non riesce a penetrare dentro casa. In inverno, invece, l’intercapedine riesce a isolare i locali interni non permettendo alla freddezza del muro esterno di alterare la temperatura dentro casa. 

Grazie a questo funzionamento, la facciata ventilata assicura il massimo dell’efficienza energetica alla casa.

Quali interventi occorrono per la realizzazione di una facciata ventilata?

Per la realizzazione della facciata ventilata occorre verificare la grandezza dell’intercapedine che deve sempre oscillare tra i 3 e i 5 cm. Inoltre, al suo interno non devono essere presenti elementi che impediscano il flusso d’aria. Verificate queste condizioni, si può procedere con la posa sulla struttura portante di uno strato isolante continuo composto da pannelli e materiali isolanti, idrorepellenti e ignifughi. Per la camera d’aria, si realizza una struttura di sostegno in acciaio o in leghe leggere tramite staffe e ancoraggi. Ai piedi e alla sommità della facciata si montano delle griglie di aerazione. Sulle pareti esterne, invece, si posa un rivestimento che può essere composto da vari materiali con proprietà isolanti. Nello specifico, potrebbe trattarsi di:

  • pannelli in metallo: l’alluminio, l’acciaio zincato e l’acciaio inox sono molto spesso usati per la loro resistenza e per il loro aspetto estetico. Sono disponibili in diversi colori e possono essere lavorati in tanti modi per ottenere vari effetti. L’effetto visivo è leggero, ma allo stesso tempo solido;
  • pannelli in legno: si può optare per varie essenze proprio come accade per il parquet o per i mobili. Il legno è un materiale nobile, isolante e resistente che, se opportunamente lavorato, assicura una grande resistenza alle intemperie. Dal punto di vista estetico, il legno offre eleganza e calore: un connubio che molti ricercano per la propria casa;
  • pannelli in cotto o in pietra: questi materiali naturali sono impermeabili e resistenti. Possono essere declinati in diversi colori, texture e forme. Il cotto è più efficiente a livello energetico per garantire l’isolamento termico. 

La presenza di questi pannelli come rivestimento esterno permette alla facciata ventilata di essere una soluzione tanto efficace quanto bella da vedere

parete ventilata

Facciata ventilata o cappotto termico: quale scegliere?

Davanti a soluzioni per l’isolamento così efficaci come la facciata ventilata e il cappotto termico, il dubbio su cosa scegliere è più che lecito. Per le case di nuova costruzione la decisione non spetta ai proprietari, ma ai costruttori, quindi non ci sono problemi. Bisogna porsi la domanda quando si opta per una riqualificazione energetica dell’edificio. È meglio avere una parete ventilata oppure il cappotto termico?

In realtà, entrambe le soluzioni sono funzionali al loro scopo e, quindi, qualsiasi sia il sistema prescelto, ci saranno importanti miglioramenti dal punto di vista dei consumi e della sostenibilità della casa. 

La facciata ventilata ha i suoi pro e contro. Tra gli svantaggi che portano le persone a propendere per altre soluzioni c’è il costo: l’installazione della parete ventilata è normalmente più costosa rispetto al cappotto termico. Il prezzo potrebbe essere ammortizzato richiedendo una delle agevolazioni edili previste dalla Legge di Bilancio 2023. Il bonus facciate non è stato prorogato per quest’anno, ma si possono comunque richiedere l’ecobonus oppure il superbonus 90%. La realizzazione della facciata ventilata, infatti, rappresenta un intervento trainante al quale possono essere legate altre operazioni di manutenzione straordinaria. In passato, alla facciata ventilata erano legati anche maggiori rischi legati allo scoppio di incendi. Questa problematica può facilmente essere aggirata trovando dei materiali idonei a respingere le fiamme

Il costo maggiore della facciata ventilata può essere spiegato dalla sua maggiore performatività. Si tratta, infatti, di un sistema estremamente efficace per contrastare la dispersione energetica e anche per isolare la casa dal punto di vista acustico. La camera d’aria non protegge solo l’interno dall’aria esterna, ma blocca anche le onde sonore garantendo agli ambienti domestici una tranquillità e una silenziosità senza precedenti. 

Un’altra conseguenza positiva determinata dalla facciata ventilata è la traspirabilità della parete esterna che risulta così più protetta dalla formazione di chiazze dovute all’umidità o alla proliferazione della muffa. 

Dal punto di vista estetico, la facciata ventilata risulta molto più interessante poiché può essere realizzata in presenza di diversi materiali che garantiscono tutti una buona versatilità di forme, linee e colori. 

Facciata ventilata su edificio esistente: ci pensa Bassetti Home Innovation

Il team di Bassetti Home Innovation è a disposizione dei clienti non solo per quanto riguarda la scelta di mobili e arredi su misura, ma anche per la progettazione di interventi volti a migliorare l’efficienza energetica della casa. I nostri architetti sono a disposizione per effettuare un primo sopralluogo gratuito e proporre una soluzione di ristrutturazione con tanto di preventivo dettagliato. Loro sapranno consigliare al meglio quale sistema di isolamento adottare e anche quali materiali usare per il rivestimento della facciata esterna.

CHIAMACI allo 800 900 457
DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ, DALLE 9.00 ALLE 17.00
Oppure inserisci i tuoi dati: un nostro consulente ti contatterà al più presto.